Non c’è una formula magica per la quantità di latte artificiale di cui il vostro bambino ha bisogno. Molto dipende dal peso, dall’età, dall’appetito e, una volta introdotti i solidi, dalla quantità di cibo che il bambino mangia. Ma ci sono alcune linee guida di base e consigli generali che possono aiutarvi a capire (approssimativamente) quanta formula – e quanto spesso – per nutrire il vostro piccolo.

Quando allattate al seno, capire se il vostro bambino riceve la giusta quantità di cibo è un calcolo piuttosto semplice: se ne esce abbastanza nel pannolino, ne entra abbastanza. Non è necessario misurare, contare le once o versare. Con il biberon, invece, c’è un po’ di matematica da fare. Dopotutto, vorrete sapere quanto potete aspettarvi che il vostro piccolo si abbassi, o quanta formula riuscirà ad avere la babysitter per tutto il giorno – o voi per tutta la settimana. Ecco perché le linee guida approssimative per la quantità di latte artificiale sono così utili.

Ma queste linee guida sono accompagnate da alcune avvertenze. I bambini allattati in bottiglia, proprio come quelli allattati al seno, sanno quando ne hanno avuto abbastanza. Ma poiché la somministrazione del latte artificiale è regolata da mamma e papà (e non da Madre Natura), è possibile che la spinta dei genitori – spingendo il vostro piccolo a prendere quelle ultime once – possa far sì che il vostro bambino allattato al biberon diventi troppo buono. E troppo di una cosa buona può portare a volte a un bambino troppo paffuto.

Quindi prendete spunto dalla fame del vostro bambino e nutritelo per soddisfare il suo appetito invece di un determinato numero di once. Finché il vostro bambino ingrassa abbastanza, bagna e sporca abbastanza i pannolini, è felice e sano, potete essere sicuri di essere sull’obiettivo. Ricordate: Lasciate che sia il vostro piccolo a decidere – e a decidere di smettere – quando si tratta di poppate.

Linee guida generali per l’alimentazione in formula

Quindi, dati questi avvertimenti, potreste ancora chiedervi di quanta formula in generale abbia bisogno il vostro bambino. Come regola generale, i neonati sotto i 6 mesi che non hanno ancora iniziato i solidi dovrebbero assumere da 2 a 2½ once di latte artificiale per libbra di peso corporeo in un periodo di 24 ore.

Così, se il vostro bambino pesa 10 libbre, che si tradurrebbe in 20 a 25 once di formula al giorno; in un periodo di 24 ore si sarà nutrire il vostro bambino circa 3 o 4 once ogni quattro ore.

Ma ricordate, ogni bambino è diverso – i bambini più grandi tendono a bere più di quelli più piccoli, e l’appetito del vostro bambino può variare da un giorno all’altro e da allattamento all’altro. Considerate quindi queste linee guida come approssimazioni approssimative – non ci sono indicazioni assolute sulla quantità di latte artificiale da somministrare al vostro piccolo ad ogni pasto – e prendete sempre spunto dal vostro bambino. Se si agita o si distrae facilmente durante la poppata, probabilmente ne ha già avuto abbastanza. Se si scola il biberon e inizia a battere le labbra per averne ancora, potrebbe avere ancora fame.

Consigli per l’allattamento in bottiglia età avanzata

Vi chiedete quanta formula dare al vostro bambino? Utilizzate questa tabella di alimentazione a base di latte artificiale come guida:

Neonati: La pancia del tuo adorabile fagottino è minuscola (grande come un pugno – il suo, non il tuo), quindi è meglio iniziare lentamente quando si tratta di poppate. Per i neonati, offrite solo da 1 a 3 once ad ogni poppata ogni tre o quattro ore (o su richiesta). A poco a poco, aggiungendone di più man mano che la richiesta diventa maggiore, ma non spingete mai il bambino a prenderne più di quanta ne voglia.

Da 2 a 4 mesi: Una volta che i bambini alimentati con il latte artificiale raggiungono i 12 chili, di solito tra i 2 e i 4 mesi, non hanno più bisogno di una poppata nel cuore della notte (e questo potrebbe significare una notte di sonno migliore per voi!) Durante il giorno, la vostra carina si riempirà di più, circa 4-6 once di cibo, e i suoi modelli di sonno (incrociate le dita!) diventeranno più regolari. Anche la capacità dello stomaco è aumentata, il che significa che probabilmente si allungherà tra le poppate diurne – a volte fino a quattro o cinque ore tra una poppata e l’altra – e tra l’ultima poppata della notte (ad esempio, a mezzanotte) e la prima del mattino presto (che potrebbe non essere necessaria fino alle 6 del mattino).

6 mesi: Una volta aggiunti i solidi alla miscela, il numero di once della formula deve essere leggermente ridotto. In questa fase il bambino può bere fino a 6-8 once di latte artificiale per ogni poppata ogni quattro-sei ore – ma limitare l’assunzione totale a non più di 32-36 once per 24 ore. Secondo l’American Academy of Pediatrics (AAP), questa è la dose giornaliera massima per i bambini di 6 mesi e più giovani. Se il vostro bambino sembra volere sempre di più, parlatene con il vostro medico.
Cosa fare per l’eccesso di cibo

I bambini sani, quando possono bere (ed eventualmente mangiare) al loro appetito senza che i genitori li stimolino, cresceranno al ritmo che è normale per loro. Se il peso del vostro piccolo aumenta a un ritmo costante e segue una curva familiare, non c’è bisogno di preoccuparsi che stia mangiando troppo. Ma se il biberon del vostro bambino diventa l’equivalente liquido di un buffet a portata di mano, c’è la possibilità che ne mangi troppo.

Ecco alcuni segnali da cercare che possono indicare che il vostro bambino sta assumendo più latte artificiale di quello di cui ha bisogno:

Sputi frequenti. La sovralimentazione può portare a un eccesso di cibo, sotto forma di sputi eccessivi. Se ne mette troppa nel suo pancino, è destinato a risalire.
Eccessivo aumento di peso. Se il peso del vostro bambino sembra muoversi costantemente verso l’alto più velocemente della sua altezza, consultate il medico. Forse sta prendendo troppi chili troppo in fretta perché sta assumendo troppo latte in polvere.

Se il pediatra vi dice che il vostro bambino sembra mangiare troppo, ci sono alcune cose che potete fare per rallentare l’assunzione del latte artificiale (e il tasso di aumento di peso):

Mangiare per il giusto motivo … La ragione giusta è perché ha fame. Non perché è infelice, o perché è annoiata, o perché si è fatta la bua, o perché ha bisogno di attenzione. Il bambino è stato nutrito di recente, ma è scorbutico? Offrite conforto con una coccola, non con una pappa extra. Il bambino è pignolo dopo il pasto? Considerate che potrebbe aver bisogno di un rutto, non di una seconda porzione. Siete troppo occupati per giocare? Mettetela davanti a un bar invece di puntellarla con un biberon. Hai bisogno di tenere occupata la tua dolcezza mentre sei al supermercato? Offrite un giocattolo o cantate una canzone invece di occuparla con il cibo.
Offrite alla vostra bambina un ciuccio per soddisfare il bisogno di succhiare. O aiutatela a trovare il suo delizioso pugno o le sue dita. Alcuni bambini hanno solo bisogno di succhiare di più (non di un biberon in più) tra un pasto e l’altro o dopo la poppata.
Assicuratevi di non sottodiluire il latte artificiale. Controllare sempre l’etichetta quando si sta mescolando la formula per assicurarsi di non aggiungere inavvertitamente troppo poco acqua – che può aumentare il numero di calorie per oncia notevolmente.
Chiedete al medico se potete offrire acqua al vostro bambino. Di solito non è consigliabile prima che i solidi siano iniziati a 6 mesi, qualche sorso d’acqua potrebbe dissetarla senza riempirla. Ma non diluite eccessivamente la formula con l’acqua per ridurre il suo consumo di calorie senza il consiglio del medico – questo può portare a uno squilibrio del sodio.